Vinitaly, mangiare in Valpolicella

alla_ruota_negrar_400

Fate una puntata al Vinitaly e poi vi avete intenzione di tuffarvi nei territori veronesi del vino e non volete perdervi la terra dell’Amarone? Bene, allora un paio di consigli su dove fermarvi a mangiare durante la vostra escursione in Valpolicella ve li dobbiamo dare. Entrambi nella Valpolicella Classica, entrambi nel comune di Negrar, che è un po’ la capitale del vino valpolicellese, entrambi in collina, da dove potete dominare le vallate e i fianchi delle colline coperti di vigne. Uno rappresenta la tradizione assoluta, l’altro propone piatti che si basano soprattutto sull’offerta del territorio, ma con una vena di novità.

Dunque, eccoci coi due consigli valpolicellesi.

Trattoria Caprini

Passata Negrar, si sale alla frazione collinare di Torbe, abbarbicata sul fianco della vallata. L’ultracentenaria trattoria Caprini è di fronte alla chiesa. Qui, signori miei, è il regno, il mausoleo, il monumento della tagliatella come si fa nella tradizione veronese. Con la sfoglia tirata a mano, e poi tagliata a coltello. Se non vi tuffate subito sulle tagliatelle, potete cominciare con un’eccellente abbinata di soppressa e lardo con la giardiniera di verdure. Magari, per aprire lo stomaco, provate le paparèle in brodo coi fegadìni (sono delle tagliatelline sottili veronesi servite in brodo leggero, con una cucchiaiata di frattaglie di pollo). Come secondi, lepre in salmì, coniglio in teglia, brasato all’Amarone. La lista vini è zeppa di etichette della Valpolicella.
Trattoria Caprini – via Zanotti, 9 – Torbe – Negrar (Verona) – tel. 045 7500511

Trattoria Alla Ruota

Da Negrar salite in collina, lungo i tornanti che portano in Lessinia, alla frazione di Mazzano e poi in località Proale, dove c’è la trattoria Alla Ruota (in realtà un vero ristorante), per me uno dei locali col miglior rapporto qualità-prezzo della provincia. Il ristorante è grande, ma una parte viene riservata ai banchetti. Chiedete di mangiare in veranda, affacciati sulla valle. Il ghiotto assaggio di benvenuto è costituito da un pane caldo con sopra del lardo valpolicellese che si scioglie. La lista dei piatti varia con le stagioni. Guardate se hanno gli straccetti col ragù di gallina grìsa della Lessinia. Oppure il coniglio al forno con la polenta o i tortelli di carne all’Amarone, per esempio. Carta dei vini valpolicellese e non solo. Se volete bere a bicchiere, chiedete.
Trattoria Alla Ruota – via Proale, 6 – Negrar (Verona) – tel. 045 7525605

In questo articolo

Scrivi un commento