Un sorprendente vino rosa molisano fatto con la tintilia

lame_sorbo_500

Sorprendente. Sì, l’aggettivo che mi viene da utilizzare per descrivere il rosato di tintilia di un’aziendina “naturale” molisana che si chiama Vinica è proprio questo: sorprendente. Nel senso che l’ho trovato fuori dagli schemi rosatisti che mi sono ben noti e tuttavia (o forse proprio per questo) m’è piaciuto parecchio. Con l’aggiunta che il 2018, che è l’annata che ho avuto nel calice, è ancora in vasca, e uscirà più in là, ché questo è uno di quei vini rosa che vogliono la pazienza e il tempo. Il che ha contribuito alla piacevole sorpresa. Perché io credo (molto) al potenziale di affinamento dei vini rosa fatti per bene.

Ora, la tintilia è un vitigno a bacca rossa che, per quel pochissimo che conosco, mi sta dando una conferma dopo l’altra, e prima o poi dovrò pur approfondirne la conoscenza. Tuttavia non ero proprio propenso a pensarla come un’uva protagonista del mondo del vino rosa. Invece questo rosato Lame del Sorbo che se ne trae è un bel vino per davvero.

Sul sito di Vinica spiegano che “le uve di tintilia per la produzione del rosato sono tra le prime ad essere raccolte, vengono diraspate e pressate senza alcuna macerazione”, dopodiché “il mosto inizia spontaneamente la fermentazione in serbatoi di acciaio” e “durante la fermentazione, 10 ettolitri di rosato vengono messi a contatto con bucce fresche di merlot, precedentemente pressate e private del mosto”. Quresta macerazione “anomala” dura circa per tre ore (ed è dunque comunque breve), ed è con questo processo che si ottiene quel colore che sta tra l’aranciato e il rubino.

Come l’ho trovato nel calice? Piacevolmente acidulo e sapido, con un’agrumatura spiccata (il pompelmo rosa, soprattutto, ma anche un che di arancia sanguinella) e una memoria di rosa tea e un tannino di carattere e anche una dinamicità consistente e una bella lunghezza. Un vino gastronomico, direi, com’è caratteristico – mi ripeto, ma mi ripeto apposta e volentieri – dei vini rosa fatti per bene.

Mi piacerebbe poterlo bere a maturazione compiuta, magari fra un annetto. Da seguire con interesse.

Tintilia del Molise Rosato Lame del Sorbo 2018 Vinica
(89/100)

In questo articolo

Scrivi un commento

1 comment

  1. Tiziana Sarracco Rispondi

    Grazie per il suo bellissimo post, quando sarà pronto le manderò qualche bottiglia..