Il ’90 di Casanova di Neri, un Brunello esemplare

casanova_di_neri_400

Era una bottiglia che da tempo riposava in cantina ed era l’ultima rimasta di uno dei miei primi acquisti negli anni ’90. Il Brunello di Montalcino di Casanova di Neri è sempre stato un vino per me esemplare. Si tratta della cuvée di base di questa famosa cantina di Montalcino, ma spesso è il vino che preferisco perché più nel solco di una buona tradizione. A trent’anni di età, questo 1990 è una bottiglia che esibisce una sorprendente giovinezza.

Il vino è vibrante e lungo, direi che in questo momento ha raggiunto l’apice della sua maturazione. La frutta in confettura sembra virare verso un frutto dolce sotto spirito. Poi seguono spezie, pepe in particolare e cacao, segno di un anno di buona maturità. Tranquillo e morbido, ha ancora una spinta acida nervosa che lo spinge nella seconda parte della bocca. Anche i tannini non scherzano, pur se molto maturi. Vino caldo e saporito, da abbinare a pietanze adatte. Riesce ad essere piuttosto flessibile negli abbinamenti, anche una bella bistecca lo riuscirà ad esaltare. Finale di prugna.

Ottima tenuta a tre o quattro giorni dall’apertura.

Brunello di Montalcino 1990 Casanova di Neri
(91/100)

In questo articolo

Scrivi un commento