Il vino rosa fa felice la gente (e ora la gente è infelice)

calice_rosa_chiaretto_2_500

I vini rosa, e soprattutto i rosé francesi, hanno avuto enorme successo negli ultimi anni negli Stati Uniti. Solo che adesso, proprio adesso, il loro andamento è – come dire – altalenante. Non stanno viaggiando coi trend degli anni passati, non stanno destando il medesimo entusiasmo. Quale sia il motivo di questa congiuntura tentennante prova a spiegarlo la giornalista americana Cathy Huyghe su Forbes. Dice che il successo dei rosé e la stessa durata di questo successo sono probabilmente da correlare alla capacità dei vini rosa di “rendere la gente felice”. “Quella felicità ha una levità che comprensibilmente sfugge oggi a molti consumatori, e questo è forse il motivo razionale di questo senso di tentennamento”.

C’è soprattutto una cosa che a mio avviso ci ha tolto la pandemia, ed è il senso della gioia. Il vino rosa, quando è buono, è gioia, è soprattutto gioia. Difficile essere gioiosi di questi tempi, ma un calice di vino rosa può ricordarci che la ricerca della felicità dà senso alla nostra vita. Filosofeggio? No, sono realista.


Scrivi un commento