Un macerato per gli oppositori della macerazione

campo_mandrie_260

Un bianco macerato che potrebbe far cambiare idea agli oppositori della macerazione sulle bucce. La Falanghina di Giovanni Iannucci che vi sto raccontando è in grado di conservare una spiccata identità territoriale, che anzi viene esaltata da questa tecnica produttiva. Fiori, frutta matura e una nota balsamica introducono una bocca serena e rilassata. Acidità e tannini si bilanciano e la materia sa restare delicata senza cadere nella troppa concentrazione. Erbe aromatiche e pepe bianco nel finale.

Beneventano Falanghina Campo di Mandrie 2013 Giovanni Iannucci
(88/100)


Scrivi un commento