Ecco, questo è un bel Sauvignon italiano

winkl_400

Lo ammetto, faccio una gran fatica coi Sauvignon italiani. Qualche volta sono troppo verdi e dunque poco attraenti, qualche altra volta troppo forzati aromaticamente fino all’essere pacchiani, altre volte troppo alcolici e dunque quasi inaffrontabili in tavola. Insomma, c’è quasi sempre un “troppo” che non me li fa piacere.

Stavolta nel bicchiere ho un Sauvignon italiano che non ha il difetto del “troppo”, ma ha anzi il pregio, raro, dell’equilibrio. È il Winkl della Cantina Terlan, annata 2016. Un vino che si beve – che bevo – con piacere notevolissimo.

Intendo dire che il carattere varietale, qui, è perfettamente gestito, e che la freschezza e il sale e il frutto croccante rendono il sorso avvincente.

Mi piace quest’interpretazione altoatesina del Sauvignon e mi dice che, sì, anche in Italia si può fare un bel Sauvignon.

Alto Adige Terlaner Sauvignon Blanc Winkl 2016 Cantina Terlan
(91/100)

 

In questo articolo

Scrivi un commento