Il lato surreale del Vinitaly

vinitaly_ingresso_240

Surreale. Credo sia questa la definizione corretta. Quella che mi permette di definire l’esperienza che ho vissuto quest’anno nella rassegna enoica veronese. Mi riferisco al fatto che in tanti fra i tantissimi convegni del Vinitaly si è parlato dell’importanza sempre più vitale della comunicazione nell’era dei social network. Di Facebook, di Instagram, di quelle cose lì. Eppoi di come sia necessario saper parlare al pubblico attraverso la rete, alla ricerca di contatti e di fidelizzazioni.
Bene, benissimo che al Vinitaly si parli di questo.
Ma allora qualcuno mi sa spiegare perché non sono praticamente mai riuscito ad avere una connessione internet durante i giorni di fiera? Perché gli sms di chi mi cercava per qualche incontro mi sono arrivati solo dopo essermene andato fuori dalla fiera?
Qualcuno mi spiega perché tutta quest’enfasi del Vinitaly sull’insegnare ad adoperare la rete e i social e le nuove tecnologie e le nuove modalità di comunicazione quando dentro alla fiera tutte ‘ste cose sono, nella realtà, pura astrazione?
Surreale. Ecco, un’esperienza surreale. Incomprensibilmente surreale.


Scrivi un commento

4 comments

  1. Elena Rispondi

    E il bello è che ogni volta ci viene detto che i servizi di rete e telefonia sono potenziati; internet, Wi-Fi e semplici ripetitori a carbonella avrebbero funzionato meglio. Trovo vergognoso che in una fiera del genere non esista la possibilità di potersi parlare al telefono.

  2. Le Vin Parfait Rispondi

    Effettivamente comunicare al Vinitaly 2015 è stato più che faticoso, e un piccione viaggiatore mi sarebbe stato di gran lunga più utile di due Iphone e un nexus… Ma che ci vuoi fare… menomale che c’era l’area press per inviare le email importanti. Poi io credo fondamentalmente che continuare a parlare della comunicazione digitale serva a poco se resta sempre un bla bla bla… come del resto appare nei fatti!

  3. Il chiaro Rispondi

    Veramente io ho comunicato via telefono e via mail e facebook e whatsapp senza nessun problema quest’anno. Ricordo invece che due anni fa fu davvero impossibile

  4. #angeloperetti

    #angeloperetti Rispondi

    @Il Chiaro, sei stato decisamente fortunato. Oppure hai frequentato i padiglioni meno affollati, dove effettivamente pare che le cose siano andate meglio.