C’era la luna

c'era la luna

E c’era la luna, che illuminava le mie notti. Temevo d’essere lunatica, immersa in quella luce bianca che rapiva ogni mio gesto. Leggevo. Scrivevo. Sognavo.
E c’è la luna, a illuminare ancora le mie notti.
So di non essere lunatica, semmai ferita, arrabbiata, impaurita, ma sveglia, cosciente, impaziente, rapita dalla voglia d’incontrarmi, pulita, brillante, splendente.
Leggo. Scrivo. Sogno. Vivo. Sono.


Scrivi un commento