Un magico Valpolicella

ca_maghi_480

È da un bel po’ di tempo che m’incuriosiva il nome “Cà dei Maghi”, di quell’azienda che sta in Valpolicella e precisamente a Fumane. È la leggenda – mi racconta il giovane Paolo Creazzi, nuova generazione della famiglia che da lungo tempo non solo fa vino ma gestisce anche un Ristorante – Locanda – che porta quel nome.

Cà dei Maghi è anche un luogo e, dunque, il Genius Loci da quelle parti dev’essere un’aria di favola e magia.

T’immagini perciò il fumo che esce dal camino della locanda e piccoli Maghi o Elfi che si nascondono tra le vigne o tra le botti della nuova cantina, da qualche anno gestita da Paolo.

M’è capitato di assaggiare un suo ottimo Amarone 2015 alla recente anteprima e se non è magia, diciamo che la sua è senz’altro un’ottima mano che ha cura del dettaglio.

Sono salita a Cà dei Maghi, poco sopra il centro di Fumane, in una calda giornata di sole. Cantina e Locanda sono adiacenti e dalla terrazza si gode un panorama magnifico: la mia terra magica, dice Paolo.

Ho trovato anche qualcos’altro di magico, lassù: un Valpolicella Classico (2017) che mi ha fatto innamorare come pochi. Trasparente nel luminoso rubino, immediato nel profumi di marasca, viola, e un accenno di buccia d’arancia sanguinella. Poi spezie orientali e incenso. Ampio al palato e insieme teso e saporito. Lascia una traccia sapida e lunga nel finale. Le uve (corvina, corvinone rondinella e molinara) sono raccolte a ottobre dal vigneto di Monte Santoccio – di un ettaro e mezzo – che è uno dei più vecchi dell’azienda e in totale ne conta circa sette. Fermenta e riposa in acciaio. Beva d gran godimento, tale che se non fate attenzione, il Maghetto dal cappello rosso finisce per riempirvi il bicchiere a ripetizione.

Buona e ampia tutta la gamma dei vini, tra quali va sicuramente menzionato un brillante Valpolicella Classico Superiore. C’è un’onda giovane in Valpolicella e Paolo si sta dimostrando come uno dei suoi più appassionati e convinti interpreti. Seguitelo, anzi, “tampinatelo” come si dice qui, perché il Valpolicella finisce in fretta.


Scrivi un commento

5 comments

  1. Donatella Martini Rispondi

    Frequento La Va’ Dei Maghi da circa 7 anni per caso consigliatami da un conoscente di Trieste Ci sono andata e non l’ho più lasciata! È diventato il mio luogo magico,mio della mia famiglia.Sono dei grandi lavoratori e Paolo Cr eazzi,il vignaiolo, come lo chiamo io ,è cresciuto e i suoi vini ….anche Io amo il loro Ripasso 2015 Bravi amici miei laghetti,maghette,elfi e pure streghette

  2. Dino Rispondi

    Complimenti Paolo, sei degno successore di tuo nonno Fernando. Dino

  3. Donatella Martini Rispondi

    Ca’dei Maghi da sette anni e siete cresciuti tantissimo in tutto bravi

  4. Roby e giacomo Rispondi

    Grande grande grande ….sto sorseggiando un suo valpolicella annata 2018 bottiglia 2771 grazie in questo momento buio a brescia dove vivo …lei a acceso una piccola luce .. grande vino . Spero di venire presto da lei per complimentarmi personalmente per la qualità…..del suo vino!!!! Un abbraccio

  5. Famiglia varini Rispondi

    Grande grande vino ….sto sorseggiando un suo valpolicella 2018 bottiglia 2771 di 6533….mi ha riscaldato il cuore ….. sono di brescia .. .e qui ne abbiamo veramente bisogno….!!!!!!!