Rosso montanaro da comprare (e bere) senza pensieri

melognis_500

Cari ristoratori che cercate un rosso piemontese da sbicchierare in tavola e che abbia carattere ma non costi una cifra, cari bevitori che volete un vino da bere senza troppi pensieri e che però non rinunci alla personalità e che insieme non vi dissangui il portafoglio, prendete nota, ché una risposta (una, eh? ce ne sono tant’altre in giro per l’Italia) ve la sto per dare. Ordunque, eccola qui: il Colline Saluzzesi Rosso Ardy della Cascina Melognis, da Revello, in provincia di Cuneo.

L’ho bevuto nella sua versione della vendemia del 2015 e per me è un vino da comprare senza fiatare, anche perché il prezzo è di quelli che permettono di comprare senza fiatare, visto che costa 7 euro iva compresa al dettaglio in cantina. Un affare, garantisco.

Idem per le garanzie territoriali e produttive. In primis perché il territorio è di quelli spettacolari, con il Monviso a far da fondale per le vigne, e non è mica poco. E poi perché a fare il vino sono Vanina Maria Carta e il di lei marito Michele Antonio Fino, che è uno dei massimi esperti italiani di legislazione vitivinicola, tant’è che insegna all’Università di Scienze Gastronomiche di Pollenzo, e anche questo non è mica poco, ma proprio per niente.

Dicevo che quest’Ardy è territoriale e lo è fino nel midollo ed è fatto in prevalenza con la barbera e poi anche con un po’ di chatus, che è un’uva che una volta pare fosse piuttosto diffusa da quelle parti del Piemonte, ma che ora è ridotta ai minimi termini, e dunque evviva evviva per chi la preserva. È un rosso montanaro, e dunque ha un’acidità che parla da sé (e che racconta dell’aria fresca d’alta collina) e poi ha un buon tannino e il fruttino maturo e un che del fumo del camino e insomma, al di là d’ogni descrizione palatale, è un vino che chiama la tavola e il cibo e che pure ha la rustica serietà del passo dei montanari, per l’appunto.

A me è piaciuto parecchio e quand’ho saputo il prezzo mi è piaciuto perfino di più.

Colline Saluzzesi Rosso Ardy 2015 Cascina Melognis
(90/100)

In questo articolo

Scrivi un commento