Due degustazioni a Verona, il Bardolino sa invecchiare

bardolino_vecchi_500

Ci sono, nel mondo del vino, anche tra gli stessi adetti ai lavori, e dunque figuriamoci tra i “semplici” bevitori, tanti preconcetti, che sembrano inscalfibili e si trasformano pertanto in pregiudizi. Uno di questi riguarda il “mio” Bardolino, il vino rosso della mia terra gardesana. Del quale si dice che sia per forza da bere giovane, anzi, giovanissimo. Sbagliando.

Sbagliando in primo luogo perché di solito anche il Bardolino più semplice dà il meglio di sé dopo un anno dalla vendemmia, quando le spigolosità della Corvina coltivata in terre gardesana si sono limate. Ma soprattutto perché i Bardolino meglio fatti, e provenienti dalle vigne più vocate, si affinano – ossia migliorano – per tempi ben più lunghi, e io amo berli quando hanno i cinque o anche i dieci anni.

Purtroppo saranno per pochi privilegiati, stampa estera e stampa italiana, ma domenica 30 settembre, nell’ambito di Bardolino Cru in programma al palazzo della Gran Guardia di Verona, guiderò due verticali – per così dire  “storiche” del Bardolino. Che vedranno nei calici prima dei vini che partono dal 2015 e vanno fino al 2002 e che poi faranno un salto all’indietro sino agli anni Sessanta e Cinquanta. Esatto, stapperò dei Bardolino del ’68, del ’64, del ’59, del ’56, tutte cose che vengono dalla mia personale collezione. Ovvio, la tenuta dipende dal fatto che il tappo abbia fatto il proprio lavoro, ma garantisco che le bottiglie “giuste” di quegli anni sono ancora più che bevibili. Come quello spettacolare Bardolino del 1959 (il mio anno) che ho bevuto di recente con degli amici. Alla faccia del vino da bere giovane.

Chi non potrà partecipare alle mie due masterclass (oggi le degustazioni guidate si usa chiamarle così, e mi adeguo), potrà “consolarsi” ai tavoli dei produttori: ci saranno in assaggio Bardolino prodotti dall’annata 2010 a oggi. E poi ci sono anche nove vigneron che vengono da Morgon, Fleurie e Moulin à Vent, e il perché siano lì lo scoprirete assaggiando. Se vi va.


Scrivi un commento