Arriva Vi.Vite, la fiera dei vini cooperativi

logo_vivite_300

Qualche anno fa, dopo una delle prime edizioni del Mercato dei Vini dei vignaioli indipendenti, ci fu chi mi disse, con una battuta, che a quel punto mancava la fiera dei “vignaioli dipendenti”, ossia di chi conferisce le proprie uve alle cantine sociali. Be’, adesso c’è, stando a quel che leggo in un comunicato che m’è arrivato fresco fresco.

La rassegna del vino cooperativo si chiama Vi.Vite – Vino di Vite Cooperative e la prima edizione si svolge il 25 e 26 novembre alle Cavallerizze del Museo nazionale della Scienza e della Tecnologia di Milano. A volerla è stata l’Alleanza delle cooperative agroalimentari, una realtà che conta su numeri che fanno impressione: 498 cantine aderenti che assommano 148 mila soci, il 58% dell’intera produzione vinicola nazionale, un giro d’affari di 4,3 miliardi di euro, pari al 40% del totale del fatturato vino nazionale e un export di 1,8 miliardi di euro, pari al 42% del fatturato delle cooperative vitivinicole e a un terzo di tutto il vino italiano esportato. Perbacco!

Ora, l’elenco dei partecipanti a Vi.Vite., che comprende dei fuoriclasse del vino consortile come la Cantina Valpolicella di Negrar, la Cantina di Soave o la Cantina Valpantena nel Veronese, la Cavit o Mezzacorona nel Trentino, Clavesana e Terre da Vino in Piemonte, le Cantine Due Palme in Puglia, la Caviro in Emilia e tanti altri nomi “pesanti” della cooperazione vinicola nazionale, che sono anche spesso tra i maggiori produttori delle rispettive denominazioni di origine.

Piemonte
Barbera dei Sei Castelli
Cantina Alice Bel Colle
Clavesana
Cantina Tre Secoli
Pertinace
Produttori di Govone
Terre da Vino

Lombardia
Cantina di Canneto Pavese
Terre d’Oltrepò

Trentino
Cavit
Mezzacorona

Veneto
Cantina Produttori di Valdobbiadene
Cantina Valpolicella Negrar
Cantine Vitevis
Collis
La Marca
Cantina di Soave
Cantina Valpantena
Vi.Vo.
Cantina Viticoltori Ponte di Piave
Bolla (Gruppo Italiano Vini)
Cantina Beato Bartolomeo da Breganze

Friuli Venezia Giulia
Cantina di Cormons
Cantina Rauscedo
La Delizia

Emilia Romagna
Cantina dei Colli Romagnoli
Cantina di Carpi e Sorbara
Cantina di S. Croce
Cantina Forlì Predappio
Cantina Valtidone
Cantine Riunite & Civ
Cavim
Caviro
Cantina Sociale di San Martino
Emilia Wine
Gruppo Cevico
Le Romagnole

Toscana
Cantina Sociale Colli Fiorentini
Cantina Vignaioli Morellino di Scansano
Le Chiantigiane
Terre dell’Etruria

Marche
Colonnara
Cantina dei Colli Ripani
Moncaro

Umbria
Cantina Terre de’ Trinci
Cantina di Marsciano Sasso dei Lupi

Abruzzo
Cantina Colle Moro
Cantina Tollo
Citra

Lazio
Gotto d’Oro
Viticoltori dei Colli Cimini

Puglia
Cantina Ruvo di Puglia
Cantina Cooperativa Trinitapoli-Casaltrinità
Cantina San Donaci
Consorzio Tutela doc Tavoliere
Cantine Due Palme
L’Agricola Latianese
Upal Cisternino
Produttori Vini Manduria

Sardegna
Cantina Trexenta

Sicilia
Colomba Bianca
Cva Canicatti


Scrivi un commento

2 comments

  1. Angelo Rossi Rispondi

    Almeno per il Trentino la domanda è se non poteva esserci anche la quindicina di Cantine sociali afferenti ai due gruppi presenti. Per il gusto dei consumatori e per la soddisfazione dei produttori.

  2. Remo Pàntano Rispondi

    E perché no? A mio parere rappresenta una grande opportunità di conoscenza per il consumatore “normal” del dailywine e magari anche qualche ottima esperienza sensoriale per i più acculturati winelovers !