L’angolo ideale

cappelli_500

Cambio punto di vista, ruolo e, alla fine, emozione. Abbandono il cappello di moglie, collega, nipote e mi metto quello di ascoltatrice, sorella, amica.

Non recito. Sono sempre io, ma scelgo un modo diverso per pormi dentro a situazioni che avverto sgradevoli, il modo migliore per me.

Scelgo l’angolo ideale per vederci chiaro, senza essere condizionata da una prospettiva che mi farebbe lacrimare gli occhi e bruciare il cuore. Ho finito collirio e garze, e non vorrei comprarne ancora.


Scrivi un commento