Vorrei più tappi a vite e meno ceralacca

ceralacca_tappo_vite_500

Lo sapete cos’è una wish list, vero? È la lista dei desideri. Bene, allora nella wish list a soggetto vino c’è la speranza di avere più bottiglie chiuse col tappo a vite e meno tappi coperti dalla ceralacca.

Ehi, aspettate, non è mica la mia lista dei desideri, anche se lo potrebbe essere. A compilarla è stata Esther Mobley sul San Francisco Chronicle, Stati Uniti. Titola proprio così il giornale americano: “Boozy wish list for 2018: More screw caps, less wax“, la lista dei desideri alcolici per il 2018: più tappi a vite, meno ceralacca”.

Dunque, cari miei che continuate a storcere il naso per via del tappo a vite, mettevela via: in giro per il mondo ‘sta chiusura alternativa piace assai. “Ogni volta che apro una bottiglia di vino e scopro che sa di tappo, mi dispero. Che insensata tragedia! Consentire che ci sia la possibilità di avere un vino che sa di tappo quando potreste eliminarlo completamente usando il tappo a vite sembra proprio un tale spreco di soldi, di vino prezioso, di vita” scrive Esther Mobley. Applauso.

E la ceralacca? “Per favore, c’è qualcuno che mi può spiegare il fascino di un sigillo in ceralacca sopra a una bottiglia di vino?” Già, è la stessa domanda che mi pongo sempre io quando mi tocca imprecare per tirar via quell’odiosa rogna rossa. Dice Esther Mobley: “Che si supponga che dia un’aura di solennità? (A proposito, non cominciate con quelle bottiglie super pesanti che non servono ad altro che ad aumentare gli scarti e a rendere più pesante il mio zainetto). Quando pigio il cavatappi in mezzo a quella montagnola di ceralacca in cima al tappo, mi fa paura guardare quei piccoli frammenti di soffice, appiccicosa ceralacca che si disseminano dappertutto sul bancone e sul pavimento della mia cucina. Non riesco a capire come questa cosa possa piacere a qualcuno”.

Ecco, sì, la penso alla stessa maniera. I pezzetti di ceralacca finiscono dappertutto e comunque non la ceralacca non la togli mai completamente e così una parte finisce inevitabilmente dentro il bicchiere. Mi fa onestamente schifo e mi viene anche il dubbio che faccia male. Dunque perché metterla? Per sigillare la bottiglia? Ma allora basta usare una chiusura più “definitiva” del sughero, no?

Mah, valli a capire, certi produttori (e certi bevitori, anche).


Scrivi un commento