Che vino si beve col cheeseburger?

cheeseburger_240

Allora, McDonald’s Italia dichiara che il suo cheeseburger è un “soffice panino a base di: hamburger di carne 100% bovina, cetriolo, cipolle, senape, ketchup e formaggio”. Bene. Confesso che ogni tanto – mica così spesso, ma questo non è importante – me lo mangio anch’io. Una volta entravo nelle botteghe della catena per papparmi il Big Mac, ora mi accontento del cheeseburger.

La domanda è: se si volesse abbinare un vino al cheeseburger, cosa vale la pena scegliere? Ecco, è la stessa domanda che si è posta la redazione vinicola del sito del quotidiano francese Le Figaro.

La risposta? Eccola: “Anche la presenza di un cheeseburger rappresenta un momento adatto alla degustazione di un buon vino! Va tuttavia tenuto presente che è soprattutto a della carne macinata che accosteremo il vino. Dimemtichiamo subito il bianco o il rosé e privilegiamo un rosso tannico che potrà sostenere la robustezza della carne rossa”.

Quali rossi, dunque? Quelli che sanno di frutti rossi, di violetta, di liquirizia o di ribes, secondo My Vitibox, che ha curato il pezzo de Le Figaro, Per esempio, stando in Francia, un rosso dell’igp Pays d’Oc, oppure un Côtes-du-Rhône e se invece si opta per un burger di quelli “gastronomici” (quanti ce ne sono ormai nelle varie città europee!) ci si può orientare su qualche appellation della zona meridionale del Rodano, come Gigondas per esempio, o su un rosso della Languedoc, come uno Saint-Chinian.

E in Italia? Che ne direste, vi domando, di un Dolcetto, di un Piedirosso o di una Lacrima di Morro d’Alba? Oppure, perché no, di un rustico ma fruttatissimo Terrano del Carso? Ecco, sì, penso che probabilmente opterei per un Terrano. Anzi, magari alla prima occasione provo davvero.

In questo articolo

Scrivi un commento