Torta paradiso

torta paradiso

Torta paradiso. Si capisce dal primo morso, perché si chiama così. Io sono dura di comprendonio perciò sono alla quarta fetta, calda, appena sfornata. Ho voluto sostituire la poca farina che c’era nella ricetta con la fecola di patate, soltanto fecola, burro e zucchero a velo. Pochi ingredienti e pochi minuti di preparazione per avere una torta buonissima e leggerissima. Non so descrivere questa sensazione di consistenza inconsistente; da soffice a impalpabile. L’ho preparata stasera per la colazione di domani. Speriamo che il sonno vinca sull’ingordigia e la golosità.


Scrivi un commento