Il Vinitaly aspira a calare (e ha ragione)

danese_veronafiere_400

Com’è quella cosa che diceva mister Trapattoni? Ah, sì, “non dire gatto se non ce l’hai nel sacco”. Che significa che prima di cantar vittoria occorre averla raggiunta, la vittoria. Dunque è impossibile dire oggi che il Vinitaly 2018 sarà un successo. I conti si fanno alla fine, ovvio, e bisognerà soprattutto sentire l’umore delle cantine che pagano fior di quattrini per essere in fiera a Verona. Però a dicembre tutti i posti disponibili erano già esauriti, e dunque come la mettiamo con quelli che ogni anno dicono che il Vinitaly non può reggere? Tutti masochisti i produttori di vino a tirar fuori soldi per una fiera che i detrattori vorrebbero in agonia? Mah.

Non è finita. Mi è piaciuta la dichiarazione che ha rilasciato qualche giorno fa il presidente di Veronafiere, Maurizio Danese, al quotidiano di Verona, L’Arena. “Siamo stati una delle poche fiere – ha detto – ad annunciare l’intenzione di diminuire i visitatori di una rassegna. Mi riferisco a quelli generici, per aumentare al contempo, invece, le presenze internazionali e dei professionisti”.

Ecco, io credo che questa sia la strada giusta. Lasciar fuori sempre di più i curiosi, che non dovrebbero esserci in una fiera che si dichiara per professionisti, e rendere il Vinitaly sempre più un momento di business. Come il concorrente tedesco, il ProWein. Con gradualità, con giudizio, certo. Facendo crescere ancora e continuamente i “fuori salone” per i wine lover. Perché il Vinitaly sia, insieme, ma in sedi diverse, un’occasione d’affari e un’occasione di festa.

In questo articolo

Scrivi un commento

1 comment

  1. ruggero Rispondi

    perfetto !