Scherzerino, fare salumi è forma d’arte

scherzerino_240

L’unica cosa che non mi piace sono i puntini di sospensione. Ne ha messi dappertutto, nel logo, nel depliant, sul sito, e a me i puntini di sospensione non piacciono. Detto questo giusto perché qualcosa che non va lo si deve pur trovare, dico invece che i suoi salumi sono strepitosi. Strepitosi, proprio. Sto parlando di Scherzerino… dal 1953 e mannaggia ho dovuto usare i puntini.
Scherzerino sembra un gioco di parole, e invece è un nome. Il nome di una persona, intendo. Uno dei norcini migliori che io abbia avuto modo di incontrare. Scherzerino La Rocca ha un’azienda che produce fantastici salumi ad Itri, in provincia di Latina, Lazio. Il nome gli deriva da quello del nonno, Scherzerino anche lui. Negli anni Quaranta il nonno faceva il commerciante e il selezionatore di capi di bestiame. Poi si cominciò la lavorazione. Nel ’53 nacque il salumificio. Che oggi è una specie di boutique del gusto. Anche l’occhio vuole la sua parte, si sa, e l’occhio viene accontentato ancora prima del naso e della bocca coi prodotti di quest’eccellenza del made in Italy.
Eccellenza, sì. Guardate: non faccio mai eccessivo affidamento su quello che si scrive sulle brochure o sui siti internet aziendali. Sul sito dell’azienda Scherzerino c’è scritto che “dai profumi della terra hanno raccolto aromi di spezie che arricchiscono e rendono unico un prodotto che non è più solo ‘carne’, ma è un’esplosione di gusti e sensazioni”. Be’, volete che vi dica? È proprio così, un’autentica “esplosione di gusti e sensazioni”. Potete anche non credermi, certo. Provate e rendetevene conto da soli, allora.
Basterebbe la salsiccia secca, stagionata, aromatizzata col coriandolo. Basterebbe questa per convincere anche lo scettico più scettico che c’è. Ma anche la salsiccia stagionata al finocchietto selvatico.
Oppure il capocollo “nero”, da carni di maiale nero italico.
Oppure la pancetta, quella fatta anch’essa dal maiale nero, una goduria.
Oppure… Oppure metto i tre punti e mi fermo qui, perché scrivere di queste cose mi mette un appetito che poi faccio fatica a saziare.

In questo articolo

Scrivi un commento