Sapete cos’è la Ginaissance, che vale più di 2 milioni?

top_gin_300

Sapete cos’è la ginaissance? Be’, è un gioco di parole che mette insieme gin e renaissance, il rinascimento del gin. Il termine lo usano i britannici, e ne hanno pieno motivo. Perché il gin sta conoscendo un successo straordinario, e il gin del Regno Unito spopola. Secondo il report estivo della Wine and Spirit Trade Association, il fatturato annuo del gin britannico, mettendo insieme vendite interne ed export, ha toccato i 2,2 miliardi di sterline, che equivalgono a quasi 2,5 miliardi di euro. Nel 2013, cinque anni fa, il giro d’affari era di poco oltre il miliardo di sterline. Le vendite in Uk hanno toccato gli 1,6 miliardi di sterline, il 38 per cento in più rispetto ai dodici mesi precedenti (i sudditi di sua maestà si sono bevuti 60 milioni di bottiglie di gin, cioè 14.4 milioni di bottiglie in più dell’anno prima). Le esportazioni hanno toccato i 532 milioni di euro: io ho dato il mio personale, pur modesto contributo al volume d’affari, perché il London è il mio stile di gin preferito. E comunque oggidì ci sono circa cento etichette di gin britannici. Un sacco.

Miles Beale, l’amministratore delegato della Wine and Spirit Trade Association, ha detto che “gin has proved itself to be just the tonic for the Government’s ambitions to grow exports of premium British products”. Gin & tonic, verrebbe da sintetizzare. E insomma, ai tempi della Brexit il gin è davvero un tonico per l’ambizione del governo di far crescere le esportazioni dei migliori prodotti britannici. Tant’è che se va avanti di questo passo, il fatturato del gin Uk potrebbe arrivare ai 3 miliardi di sterline già nel 2020. E il Tesoro britannico ci guadagnerà sempre di più: su ogni bottiglie da 70 centilitri di gin a 40 gradi incassa 8,05 sterline, proprio mica poco. Accipicchia che dinamica tonica!

I miei gin preferiti fra quelli made in the United Kingdom? Eccoli.

  1. No.3 London Dry Gin Berry Bros. & Rudd
  2. Caorunn Gin Small Batch Scottish Gin Balmenach Distillery
  3. Martin Miller’s London Dry Gin

Scrivi un commento