Quand’è che scopriremo il Vinho Verde?

muros_500

Le uve con cui è fatto il vino sono alvarinho, loureiro e avesso, e il leggere di questo triplice uvaggio mi rendeva già di per sé avvincente andare alla scoperta di questo vino bianco portoghese che ho trovato on line, e poi il prezzo di 6,89 (in offerta) ha vinto ogni possibile resistenza, per cui ho fatto clic e l’ho comprato. Il fatto è che sono sempre abbastanza attratto dall’incontrare nel calice delle varietà cui siamo tanto abituati dalle nostre parti. Eppure quelli che ho elencato sono tra i vitigni classici di una denominazione di origine portoghese di tutto rispetto, quella del Vinho Verde, 16 mila ettari di vigneto, 16 mila viticoltori, seicento imbottigliatori, più di 100 milioni di bottiglie per anno, l’ottantasei per cento costituite proprio da vino bianco.

Ebbene, nel bere l’Eschola di Anselmo Mendes – è questo il Vinho Verde che ho acquistato e che è fatto con quelle tre varietà – mi sono domandato come mai in Italia non l’abbiamo ancora scoperta questa denominação de origem portoghese, perché il vino mi è proprio piaciuto e anzi credo piacerebbe anche a parecchia altra gente, con quella freschezza straripante, quella florealità primaverile, quel sale e quel suo vago ma elegante accenno aromatico. Si beve – e gratifica la beva – con una facilità assoluta, eppure ha anche grinta e personalità. Insomma, una bella bottiglia, da aperitivo e da pesce in tavola.

Vinho Verde Muros Antigos Escolha 2019 Anselmo Mendes
(90/100)

In questo articolo

Scrivi un commento