Petrini Presidente? Magari!

carlinpetrini_240

Ho cliccato “mi piace” sulla pagina Facebook titolata “Carlo Petrini Presidente della Repubblica”. Non so chi l’abbia creata, non so chi la gestisca, non mi interessa saperlo. Mi interessa l’ipotesi: Carlin Petrini Presidente. Mi piace. Certo che mi piace.
Qui e là l’ipotesi affiora. Sui giornali, in rete, nel mondo associativo.
Sarebbe in grado, Carlin, il fondatore di Slow Food, di fare il Presidente della Repubblica?
Dipende.
Se l’intenzione della politica è quella d’eleggere un uomo che incarni quel ruolo di grigio notaro che taluni vorrebbero insisto nella lettura formale della carta costituzionale, be’, no, non ce lo vedo.
Se la politica capisse invece che è ora di dare un segnale a quest’Italia immusonita e stanca, di esprimere un gesto che vada nella direzione del rinnovamento, e anche della speranza, certo che ce lo vedo.
Poi, capiamoci, quando mai negli ultimi decenni il Presidente è stato il notaio della Repubblica? Non lo è stato Pertini, non lo è stato Cossiga. Neppure Scalfaro e Ciampi. Men che meno Napolitano. Se la prassi è che chi sale al Colle non se ne sta acquattato nel grigiore del formalismo repubblicano, un po’ di animo vale la pena che i parlamentari se lo diano, no?
Non ne vedo molte di buone scelte in giro.
Carlo Petrini potrebbe essere una buona scelta. Uno che sa parlare alla gente. Uno che sa essere concretamente visionario. Uno che sa dare azione al pensiero. Uno che la credibilità internazionale se l’è conquistata sul campo, innestando energia vitale nelle idee.
Non passerà. Ma perché non sognare, qualche volta?


Scrivi un commento

1 comment

  1. Giulio Rispondi

    La vedo dura dopo quello che Petrini ha detto di Renzi l’anno scorso…
    http://espresso.repubblica.it/palazzo/2014/10/07/news/petrini-gela-renzi-ci-aspetta-una-colata-di-cemento-1.183203