Perché ora i vini rosa piacciono (anche) agli uomini

calice_vino_rosa_chiaretto_6_500

Why do we love rosé? A domandarsi perché amiamo i rosé è Karen MacNeil su Winespeed, un seguitissimo blog statunitense. E c’è in particolare una cosa, nel suo post, che mi ha colpito, ed è quando parla di vini rosa e consumo maschile. Perché sinora il luogo comune è sempre stato quello che i vini rosa siano una faccenda da donne. Non che lo siano mai stati veramente, ma questo era il pregiudizio.

“Quel che trovo più interessante a proposito del fenomeno del rosé – scrive Karen MacNeil – è la sua crescente accettazione fra gli uomini. In effetti, si tratta di qualcosa di più di semplice accettazione. Gli uomini sembrano aver abbracciato il rosé in una maniera che nessuno avrebbe saputo prevedere. Credo si tratti di un aspetto della “evoluzione” complessiva della nostra cultura. Così come indossare una maglietta rosa non è più un tabù per un’ampia schiera di uomini, ordinare un bicchiere di un vino rosa secco non rappresenta più un grosso problema. Secondo voi, quattro giovani uomini che vanno fuori per una cena di lavoro ordinerebbero un bianco? Oggi, penso sia più probabile che ordinino una bottiglia di rosé”.

Ovvio, questo accade negli Stati Uniti. Ma qualcosa sta cambiando, finalmente, anche da noi, anche qui nella nostra ultraconservatrice Italia.

Evviva i vini rosa.


Scrivi un commento