Le Grand Tasting, l’Alsazia

lgt_map_240

Alsace. I vini dell’Alsazia sono i protagonisti di quest’ultima tappa delle note che ho stilato nel corso degli assaggi che ho potuto fare partecipando a Le Grand Tasting, il magnifico evento allestito da Michel Bettane e Thierry Desseauve al Carrousel du Louvre a Parigi sul finire dell’anno. L’edizione 2015 sarà il 4 e 5 dicembre: segnatevelo in agenda per tempo. Valutazioni in ventesimi ed elenco dei vini per azienda ovviamente anche in quest’ultima puntata.
Agathe Bursin
Alsace Riesling Grand Cru Zinnkoepfle 2013. Naso di radici, trama acida che bilancia la morbidezza, agrumato e speziato. Deve unire i vari pezzi. 16,5/20
Alsace Sylvaner Eminence 2013. 31 grammi di zucchero. Intensamente esotico con un accenno di botrytis. Amarognolo e dolcezza che non permette una adeguata distensione del frutto. 14/20
Alsace Riesling Dirstelberg 2013. Morbido e delicato, immediato, semplice. 14,5/20
Domaine Trapet-Alsace
Alsace Riesling Riquewihr 2012. Puro e fine, agrumato e mirabeille. Facile e beverino. 15,5/20
Alsace Riesling Grand Cru Schoenenbourg 2012. Delizioso, fine e minerale, note di radici. Potente e puro, finale secco senza zuccheri e con acidità decisa. 17/20
Domaine Paul Blanck
Alsace Riesling Grand Cru Schlossberg 2010. Al naso già appaiono i sentori di idrocarburi, completati da una piacevole nota fruttata di pesca. Il frutto dolce introduce una bocca intrigante e armonica nel proporre frutto e acidità minerale. 17,5/20
Alsace Riesling Grand Cru Wineck-Schlossberg 2002. Un naso più dolce, anche più speziato e pepato. La materia è matura, più rassicurante e meno intrigante del precedente. Finisce su cenni di mineralità e scorza di arancia candita. 16/20
Alsace Riesling Grand Cru Furstentum Séléction Grains Nobles 2007. Naso di pasticceria alla frutta. Un buon vino che però rimane al palo, non ha lo scatto che deve avere una bottiglia di questo genere (e costo). 15,5/20
Marcel Deiss
Alsace Engelgarten 2011. Da un terreno di marne con una struttura complessa. Tredici vitigni che originano un vino profumato di arancio a bergamotto, più una punta di idrocarburi. Dolcezza intrigante e canaglia, più facile dei compagni di scuderia. 15/20
Alsace Schoffweg 2011. Un terreno più calcare dal quale esce un vino meno minerale e più dolce del precedente. 15,5/20
Alsace Bourg 2010. Saliamo di classe con un nettare esotico e minerale. La maggiore potenza e lunghezza fanno sembrare il vino meno dolce, ma è un equilibrio diverso. Molto luminoso il finale di agrumi e di idrocarburi. 18/20
Alsace Altenberg de Bergheim Grand Cru 2009. Ancora un passo in avanti verso la maturità, esotico e con note che vanno dalle spezie al miele. Attraversa però un fase di chiusura e risulta di difficile lettura. Pazienza, apriamolo tra 10 anni. 17,5/20

In questo articolo

Scrivi un commento