La vigna e la disgrazia del fattore politico

vigneto_papaveri_300

Scrivendo ad un docente universitario che sta ideando un progetto dedicato al mondo del vino, gli parlavo di un problema tipico del settore. Mi riferivo a quella che definirei “la disgrazia del fattore politico”. Si estrinseca talvolta nell’orientamento appunto “politico” delle diverse forme associative (consorzi di tutela, strade del vino, consigli di amministrazione delle realtà cooperative), oppure nell’abitudine alla produzione assistita finanziariamente (e dunque anch’essa orientata), e ancora, – e soprattutto – nel sostanziale gap strategico fra l’ente pubblico, mirato al medio-breve periodo del mandato elettorale, e il produttore, che ha a che fare con una realtà, quella di un vigneto che ha una vita media di venticinque anni.

Ecco, c’è grande differenza tra i tempi della politica e quelli della vigna. La questione sta in quest’evidenza.

Articolo originariamente pubblicato il 18 novembre 2013


Scrivi un commento