La stagione degli eventi del vino, Merano

bottiglie_miste_2_240

Hanno ancora senso gli eventi del vino? Domanda impegnativa, alla quale forse risposta non c’è.

Come moltissimi appassionati di vino, da neofita ho battuto in lungo e in largo tutte le manifestazioni più importanti, cercando di farmi una idea di cosa stesse succedendo di nuovo e per scoprire l’ennesima chicca. Dopo migliaia di assaggi e di chilometri è inevitabile che sopraggiunga una sensazione di stanchezza e di déjà vû.

È anche vero che, banalmente, chi si ferma è perduto. Siamo in un mondo dove i produttori nuovi nascono come funghi. I più famosi e conosciuti sono alle prese con cambi di generazione, si adattano ai mercati, comprano e vendono vigneti. In questo senso credo ancora che valga la pena muoversi e non dare nulla per scontato. Ecco allora che le mega degustazioni ci permettono di fare il punto della situazione, di avere conferme e smentite, di parlare con i produttori. Cosa che sarebbe ben più complicata se dovessimo andare in ogni singola cantina.

Tra gli eventi del vino italiani, il Merano Wine Festival non ha mai nascosto le sue ambizioni di porsi come il riferimento assoluto per il settore. Affermazione che si può condividere o contestare, ma rimane il fatto che, giunto alla sua edizione numero 26, il Festival ha saputo rimanere fedele al suo ideale di qualità e selezione, al tempo stesso rinnovandosi.

L’attenzione verso il mondo del “naturale” ha portato alla nascita di Naturae et Purae – Bio&Dynamica. Quest’anno il focus sarà attorno alla riflessione sulla naturalità del cibo e del vino.

Nei Giardini del Castel Trauttmansdorff è previsto il 9 novembre un convegno dal titolo “Quo vadis? Food&Wine, is the future natural?” Si parlerà di vini biologici e biodinamici, vini naturali, piwi, e per finire, di cibi fermentati. Alcuni chef si cimenteranno nella preparazione di piatti realizzati con questi ingredienti.

Nei giorni successivi i saloni del Kurhaus ospiteranno il vero e proprio Wine Festival. L’elenco delle iniziative è davvero molto lungo, e vi invito a scoprirlo andando a curiosare nel sito istituzionale.


Scrivi un commento