La Pria, quando il Prosecco viene dai Colli Berici

rino_polacco_la_pria_400

Sono convinto che il Prosecco dia il meglio di sé quando ha un po’ più di zuccheri residui, soprattutto se viene dalle colline alte, in particolare là dove ci sono i due Prosecco Superiore, attorno a Conegliano e Valdobbiedene, oppure nell’Asolano. Gli zuccheri gli danno struttura e gli garantiscono longevità – sì, perbacco, longevità – e anche maggiore complessità – sì, il Prosecco può diventare perfino complesso. Certamente, se questa è la mia convinzione portante, ci sono delle eccezioni. Per esempio, una sorprendente eccezione è il Prosecco 0.5 fatto da La Pria sui Colli Berici, nel Vicentino, e dunque in un contesto ben diverso da quelle che dicevo.
Incontrandolo al Mercato dei Vini della Fivi, Rino Polacco ha voluto farmelo provare. L’uva viene da un’enclave calcarea in mezzo a un territorio, quello berico, di formazione vulcanica, e il vino ha solo 5 grammi di zucchero per litro. Poco. In etichetta è scritto brut, di fatto potrebbe essere un extra brut. Ebbene, è un Prosecco che ha nel frutto il suo punto di forza. Una mela croccante e pulitissima, una vena d’agrumi spiccata e rinfrescante. Una traccia – già, lo devo proprio scrivere – minerale.
Però tra i vini targati La Pria a me è parimenti piaciuto anche l’altro brut, quello che ha quattro grammi di zucchero in più, arruvando ai nove. Ha una beva davvero notevole, e questa volta è soprattutto la dimensione floreale a farsi avanti. Primaverile, potrei definire il bouquet. E me l’immagino, questa bolla, col pan biscotto e la soprèsa che fan da quelle parti, sui Colli Berici. Mmh, che merenda!
Prosecco Brut 0.5 La Pria
(88/100)
Prosecco Brut La Pria
(88/100)

In questo articolo

Scrivi un commento