Il silenzio è tornato

silenzio_300

Il silenzio è tornato. Ho lasciato la porta aperta – forse per sbaglio o forse no – e lui si è accomodato. Da tanto tempo non lo incontravo, non lo cercavo, ma lui si è ricordato di me, è venuto a trovarmi.

Quando c’è lui, al bando parole nude e girovaghe, alla ricerca di una ragione da indossare. Al bando musiche rassicuranti che cullano mente e membra.

È lui a fare compagnia. La sua presenza sa fare spazio: al respiro, all’attenzione, ai gesti quotidiani… alle lacrime.

Il silenzio, a volte, fa anche questo: lava via il superfluo e tiene l’essenziale.


Scrivi un commento

1 comment

  1. eugenio Rispondi

    Vero. Il silenzio (anche la solitudine) possono essere amici del senso dell’esistenza.