Il greco nero e lo Zingamaro della Pizzuta del Principe

la_pizzuta_del_principe_500

Sul biglietto da visita è scritto “dott. Albino Bianchi direttore generale”. Una dizione che nulla racconta della passione che gli ho letto negli occhi quando mi ha parlato di quelle terre e del farci vino.

Il dottor Albino Bianchi è un noto farmacista, a Crotone. Le terre invece sono quelle da lungo tempo della famiglia della moglie Clara Ranieri, che è la titolare dell’azienda agricola. Vigne e cantina (la cantina è stata costruita nei primi anni Novanta) sono in contrada Pizzuta, a Strongoli, in provincia di Crotone, e il territorio comunale è separato da quello del capoluogo dal corso del fiume Neto, il secondo per lunghezza e portata della Calabria.

La cantina si chiama La Pizzuta del Principe. Ci sono stato in estate. Tra i suoi vini mi ha colpito quello fatto col greco nero, nome evocativo per un’uva che meriterebbe maggiore notorietà, ritengo, se i risultati che offre sono questi. Ecco, credo che ci si possa e ci si debba insistere su questo vitigno, che mi pare sappia leggere bene il territorio che lo accoglie.

Il vino è lo Zingamaro. Ha fittezza di tannino e di frutto eppure anche vene salmastre che attenuano e stemperano la presenza alcolica e sembrano richiamare quel mare che non è poi tanto lontano.

Val di Neto Rosso Zingamaro 2014 La Pizzuta del Principe
(90/100)


Scrivi un commento

4 comments

  1. Anna-Maria Holdenried-Turano Rispondi

    Havete fatto giusto! Zurecht wird der Zingamaro ins Rampenlicht gerückt! Ein fantastischer und eleganter Wein!

    1. Angelo Peretti

      Angelo Peretti Rispondi

      Grazie!

  2. Carlo Tramonte Rispondi

    Gentile Angelo,
    ho scritto altre volte, per lo stesso argomento, ma senza risposta.
    Questa rubrica, che peraltro seguo abbastanza fedelmente, la interpreto, nella maggioranza dei casi: “ho bevuto vini che voi umani no n potrste neanche immaginare: ….”
    Io le sono grato per le varie segnalazioni fatte di vini buoni e/o ottimi, di scoperta di piccole cantine pregevoli, ecc. ma ….
    In un sito che dovrebbe avvicinare vieppiù il cittadino ad un buon vino mancano due informazioni fondamentali (che invece vengono regolarmente segnalate per i luoghi del mangiare): DOVE si può acquistare il vino segnalato e QUANTO costa.
    Credo che ciò possa far piacere a molti.
    Grato se vorrà integrare le sue preziose segnalazioni con queste infromazioni.
    Cordiali saluti.
    Carlo Tramonte

    1. Angelo Peretti

      Angelo Peretti Rispondi

      Gentile Carlo,
      vero, mi ha scritto più volte e più volte le ho risposto dicendo che è pressoché impossibile fornire il prezzo di un vino, dato che il prezzo ha una forte variabilità: prezzo cantina? a privati o a operatori? al dettaglio o all’ingrosso? prezzo enoteca? quale enoteca? on line, fisica? prezzo ristorante? quale ristorante?
      Il prezzo è una variabile che ha troppi margini di discrezione.
      Inoltre, qui si fanno recensioni. In una recensione di un film o di uno spettacolo teatrale non si fornisce tra le informazioni il prezzo del biglietto d’ingresso. Non le pare?