Se fossi nata in Québec

17474101_10209077861928446_760050408_o (1)

Sono stata a una degustazione di prodotti provenienti dal Québec, la zona “francese” del Canada. Anche solo guardando i piatti, e poi assaggiandoli ho avuto conferma, era chiara la forte presenza di una comunità sia francese ma soprattutto italiana. Non ci piove, a noi piace colonizzare le cucine o, più probabile, lasciare che i profumi delle nostre terre e la semplicità delle nostre ricette colonizzino culture e palati. E proprio per questo, perché penso che dovremmo essere orgogliosi del modo, non sempre riuscito, in cui in tanti cercano di imitare la cucina e lo stile di vita mediterranei, mi sono approcciata a questa novità sempre con occhio critico ma assolutamente spogliata di ogni pregiudizio. Ho assaggiato succhi di mirtillo e birre biologiche, assolutamente niente di nuovo. Ma la novità stava nei produttori che hanno attraversato un continente per farsi conoscere e portare le loro eccellenze.

Spesso noi  italiani ci muoviamo nel mondo con fare presuntuoso, convinti che la qualità dei nostri prodotti arrivi prima di noi. Sentiamo di non aver bisogno di comunicarla, perché la diamo per scontata. Ci immaginiamo che tutti parlino di noi e che il cliché estero di “pizza, pasta, mafia” sia superato.

Ho quindi assaggiato una “pizza gratin crotonese” farcita di maiale brasato con birra e un’abbondante spolverata di parmigiano reggiano. Credo possa essere il perfetto riassunto di quello detto fino ad ora. Fuori dai confini del “bel paese” la nostra cultura gastronomica non è poi così conosciuta per quella che è. Una volta emigrata con i nostri conterranei, è stata rivista e adattata ai gusti e le esigenze del territorio. Per esempio in Québec il freddo non consente la nostra stessa biodiversità.

Con queste premesse, non sono rimasta sconvolta nel trovare i porcini con il miele e la mostarda, o lo sciroppo d’acero in un vino rosé spumantizzato con metodo classico perché, per fortuna, sono cresciuta a Treviso, ma probabilmente se fossi nata in Québec anche io avrei grattugiato il parmigiano sul brasato.


Scrivi un commento