Far parlare i fatti

maglietta_live_400

Spesso sorge spontaneo chiedermi se ciò che penso  e faccio sia giusto o sbagliato.
Troppo spesso.
Sono figlia e nipote di maestre e il giudizio in casa nostra non è mai mancato, anzi, ha lasciato il segno nell’atteggiamento che rivolgo soprattutto verso me stessa.
Da tempo, però, sto cercando di correggere questa propensione.
Un po’ per risparmiare la fatica di analizzare situazioni e decidere come valutarle, ma soprattutto perché mi sto impegnando  a lasciar andare le cose e a far parlare i fatti.
Cedo a loro, ai fatti, la responsabilità di promuovere o meno un pensiero e ciò che ne segue.
Un esempio.
Se scelgo di passare il pomeriggio dipingendo una maglietta invece di stirare, di primo acchito mi darei l’insufficienza.
Ma se poi, a fine giornata, la leggerezza che mi avvolge riesce a sollevare l’umore di chi torna a casa appesantito dal lavoro (e non si accorge nemmeno che i panni da stirare sono ancora tutti lì) la lode è garantita.


Scrivi un commento