Eccolo, il mare

eccolo, il mare

Ciò che per anni è stato simbolo di separazione e solitudine torna a essere unità e serenità. Eccolo, il mare. Ha silenziosamente accolto quanto scrivevo al cielo e ora siamo qui, onda su onda, a trasformare ogni parola in un sorriso. Mi esplode il cuore. La luce nei miei occhi è il sole che fa sbrilluccicare l’acqua. È l’amore che mi dai. Sono io che torno oceano anziché lacrima, spiaggia invece che granello. Se non è il tutto, non è amore. Dio mi attraversa. Io m’innamoro di te.


Scrivi un commento