Il Dolcetto d’Alba Bricco Caramelli del 2011

mossio_300

Se si trattasse di un Barolo, un Brunello di Montalcino o un Taurasi, nessuno darebbe importanza all’annata 2011, ma qui stiamo parlando di un Dolcetto d’Alba! Ancora pochi sanno che questo vino, soprattutto se proveniente da vigne di grande spessore, è capace di evolvere bene per molti anni.

Nel 2012 pubblicai per Garantito Igp una bellissima verticale del Bricco Caramelli dei Mossio di Rodello, dalla 2010 indietro fino alla 2005. Oggi stappo per voi la 2011, a sette anni dalla vendemmia e sei dalla messa in commercio. Il Bricco Caramelli è un vero e proprio cru, si trova a 470 metri di altitudine e viene curato come un figlio, pianta per pianta, nelle annate difficili vengono usati solo rame e zolfo di cava; in cantina subisce una macerazione di circa 10 giorni, completata la fermentazione matura alcuni mesi in acciaio e poi altri due in bottiglia, niente filtrazioni e niente stabilizzazioni.

La prima cosa che colpisce nel calice è il colore: rubino cupo, solo all’unghia appare il granato; al naso si apre poco alla volta, su note di viola e prugna, poi arriva l’amarena in confettura, il cacao, la menta, un filo di tabacco e venature terrose, di grafite e liquirizia.

Al palato impressiona per la freschezza e una struttura piena, quasi grassa, salina e avvolgente nel frutto maturo, non c’è alcun segno di cedimento, il vino ha un equilibrio quasi perfetto e tiene la barra dritta, senza esitazioni, il finale è profondo, lungo e appena amaricante, tratto tipico del dolcetto.

Avercene una cassa…


Scrivi un commento