Dieci vini francesi in offerta da non farsi scappare

vino_rosso_tavolo_500

In Francia è tempo di Foire aux Vins. Insomma, è il momento di approfittare dei forti sconti sui vini che vengono praticati in grande distribuzione, nelle enoteche e anche sui siti di ecommerce. Credetemi, si possono fare degli ottimi affari. Risparmiando parecchio. Per darvene un’idea, vi elenco qualche suggerimento prendendo a riferimento uno dei negozi on line da cui acquisto di più, ossia Vinatis, che ha anche una propria filiale italiana e spedisce in tempi rapidissimi. Ho scelto dieci vini in offerta che secondo me vale la pena acquistare, per motivi diversi. Ve li consiglio, ammesso che quando leggerete queste righe non li troviate già esauriti.

Incomincio dai bianchi.

Se avete voglia di un bianco sapido, freschissimo, agrumato, perfetto per il crudo di pesce e per le ostriche, c’è il Picpoul de Pinet Cuvée Prestige 2019 del Domaine des Lauriers. La denominazione è nel sud-ovest francese e ammetto che non è famosissima, ma ci si trovano buone bottiglie, come questa, che ha ottenuto tre stelle e il coup de coeur guida Hachette e viene appena 7,34 euro contro gli abituali 11,17 (lo sconto è del 34%).

Vi va di provare la mineralità salina dei bianchi della Savoia? Allora ecco scontata del 28% la Roussette de Savoie Anne de Chypre 2019 del Domaine de l’Idylle. Ha avuto due stelle dalla guida Hachette. A me piace parecchio. In offerta, costa 9,44 euro contro 13,14 (-28%).

Se invece siete affascinati dall’incredibile ricchezza dei vini ossidativi del Jura, allora non fatevi scappare l’occasione di acquistare, scontato del 29%, lo Château Chalon 2008 del Domaine Marcel Cabelier, proposto a 26,16 euro al posto di 37,14. Ha ottenuto le tre stelle e il coup de coeur guida Hachette e garantisco che è un eccezionale esempio di questa piccola e rara denominazione di origine. Da bere subito o da far incecchiare ancora trenta o quarant’anni. Come preferite.

E adesso i rosé.

Incominciamo con le bollicine rosa. Scontato del 33% ho adocchiato su Vinatis il Cremant de Bourgogne Rosé Perle d’Aurore di Louis Bouillot, un perfetto e ghiotto esempio della tipologia, tre stelle e coup de coeur guida Hachette, offerto a 10,20 euro contro gli abituali 15,37 (-33%). Si beve con estrema facilità.

Qualora siate invece interessati a un rosé “fermo” mediterraneo, a 12,47 euro al posto di 15,93 (-21%) c’è il Pays d’Oc Rosé Argali 2020 Château Puech-Haut. Lo acquisto spesso, è molto ben fatto e ha anche una bellissima bottiglia col tappo in vetro, che fa la sua figura per conto suo.

Un rosé più impegnativo? Eccolo qui, è il Marsannay Rosé 2019 di Jean Fournier, elegantemente iper fruttato e potente, esempio di quanto avvincenti possano essere i vini rosa della Borgogna. Scontato del 17%, viene 16,90 euro contro i 20,41 di listino. Occhio, fa 14,7% di alcol, trattatelo come un rosso di valore. Di valore, lo è. Garantisco.

A proposito di Borgogna e di vini rossi, vedo che è in offerta anche uno dei pinot neri borgognoni che ho apprezzato di più negli ultimi mesi. Si tratta del Savigny Les Beaune Aux Petits Liards 2017 del Domaine Doudet-Naudin, che si può acquistare a 20,96 al posto di 31,91 (-34%). Scorza d’arancia sanguinella e fragoline di bosco.

Il Beaujolais altro non è che la porzione più a sud della Borgogna, dove al posto del pinot nero si coltiva il gamay. Qui consiglio il Morgon Les Roches 2017 di Château du Chatelard, che in questo periodo viene proposto da Vinatis a 10,81 euro al posto di 16,37 (-34%). Ha ottenuto 93/100 da Wine Enthusiast e a mio avviso li merita. Ciliegia croccante. È già molto buono, ma se gli fate fare un altro paio di anni di cantina lo troverete ancora più convincente.

Se preferite un rosso di beva disimpegnata, ma ugualmente di carattere, mi sento di suggerire l’acquisto del Savoie Mondeuse Sous les Cedres 2018 del Domaine du Château de la Violette, che ottenne due stelle e il coup de coeur dell’appellation dalla guida Hachette e ora costa 10,70 euro anziché 15,91 (-32%). Fiori, fruttini, erbe alpestri e sale per un vino montanaro che io ho sempre apprezzato per la sua leggerezza.

Qualora invece vogliate bere uno di quei rossi robusti che si producono nel sud-ovest francese, vi faccio tornare nella Languedoc con una denominazione poco nota, quella di Cabardès. Il Cabardès Mademoiselle 2019 di Château Auzias ne è un esempio emblematico, col suo calore sudista stemperato da una buona dose di sapidità, che gli conferisce un’indole autunnale. Ha avuto 91/100 da Decanter e viene via a 6,70 euro contro i soliti 10,19 (-34%).


Scrivi un commento