Dall’11 al 13 ottobre c’è Hostaria Verona

tappi_hostaria_500

Dall’11 al 13 ottobre 2019 torna Hostaria Verona, un festival del vino, alla sua quinta edizione, che “invade” le vie e le piazze del centro storico veronese con le postazioni di 53 aziende per un totale di circa 250 vini. E poi degustazioni di olio extravergine di oliva sul ponte di Castelvecchio, il pesce di Caorle, diciotto “sbecolerie” (“sbecolàr” nel dialetto veronese significa “mangiucchiare”) con formaggi del consorzio Monte Veronese in tutte le stagionature, le offerte dei macellai scaligeri e piatti e prodotti tipici. Il tutto in quello che viene definito dagli organizzatori “un anello ordinato lungo tre chilometri che collega i giardini dell’Arsenale austro-ungarico ai giardini di Piazza Indipendenza”.

Vari i livelli di degustazione proposti: ognuno avrà un diverso “valore”, per cui ci saranno vini da uno, due e tre gettoni. I vini che, ad esempio, varranno tre gettoni, saranno ad esempio quelli inclusi nella nuova edizione della ” Guida dei Vini di Verona 2019 – Top 100″.

Solo due note aggiuntive.

La prima: tra gli spettacoli che arricchiscono il programma, non va perso almeno il “concerto festoso” del Disperato Circo Musicale, una band veronese che – come si legge sul suo sito – ha uno stile che “si traduce in una Patchanka dalle influenze Ska, Reggae, Balkan, Funky, Latin e Punk”. Sono bravissimi. Suonano venerdì 11, alle ore 21, all’Arsenale.

La seconda: bella la grafica, con due tappi in veste di Giulietta e Romeo sullo sfondo dell’Adige e della città.

Per informazioni maggiori e per prenotazioni: www.hostariaverona.com.


Scrivi un commento