Il Clos des Ruchottes 2006 di Armand Rousseau

ruchottes_300

Colpisce sin dall’inizio, nel Clos des Ruchottes 2006 di Armand Rousseau, quella nota fresca che non abbandona il calice. Sembra che il vino voglia quasi uscire, saltare addosso all’improvvido bevitore. Poi arrivano le note di mare, non è però il pinot dalla finezza esemplare che mi aspetto. Ha un lato aperto e disponibile, l’annata ha conosciuto delle difficoltà e un pochettino si notano. Paradossalmente questo aiuta dal momento che in altre annate sarebbe un vino da attendere molto più a lungo, mentre in questo caso lo si può godere senza timore. Note di erbe macerate e di frutta fresca lo rendono irresistibile.

Il vantaggio del 2006 è che puoi scegliere se berlo oggi, o lasciarlo in bottiglia anche per vent’anni, con la sicurezza di trovarlo ancora in piena forma.

Ruchottes Chambertin Clos des Ruchottes Grand Cru 2006 Domaine Armand Rousseau Père et Fils
(94/100)

In questo articolo

Scrivi un commento