Certi vini bianchi pretendono la temperatura ambiente

savagnin_marnes_500

I vini bianchi che hanno cambiato la mia maniera di pensare i vini bianchi sono stati i Soave che fa Filippo Filippi a Castelcerino. Col tempo, mi sono accorto che i suoi vini sono sostanzialmente refrattari a ogni luogo comune relativo alla temperatura di servizio dei bianchi. Perché il meglio di sé non lo danno quando vengono portati in tavola freschi o freddi, bensì quando sono alla temperatura ambiente, e in questo caso non intendo la temperatura della cantina, ma proprio dell’ambiente domestico, suppergiù tra i diciotto e i venti gradi. Come fossero dei rossi piuttosto corposi, e certamente questa prerogativa la ricavano dalle loro lunghissime soste sui lieviti.

Una nuova prova recente di quanto certi vini bianchi guadagnino alzando la temperatura di servizio l’ho avuta stappando il Savagnin en Quatre Vis, annata 2016, del Domaine des Marnes Blanches, l’azienda che hanno Géraud e Pauline Fromont nel Jura. Appena aperto, preso dal frigo climatizzato alla temperatura usuale dei bianchi, il vino era sostazialmente inespressivo. Naso mineraleggiante, struttura rusticheggiante, un cenno di sapidità, ma niente espansione, niente corsa in avanti. Piuttosto muto, di fatto deludente. Ma non ero convinto che si trattasse di una bottiglia da buttare, anzi. L’ho dunque tenuta per una giorno e mezzo sulla penisoletta della cucina e solo dopo l’ho ribevuta, alla temperatura della cucina, sui ventidue gradi. Ebbene? Ebbene era diventato un gioiello. Questa seconda volta si espandeva al palato, sospinto da ondate di acidità sferzante. Il sale ben più presente, un frutto giallo polposo che si era imposto sulla traccia minerale e addirittura un che di mentuccia.

Ecco qua, appena aperto e freddino questo bianco del Jura non diceva quasi niente, ma dopo un giorno e mezzo e calduccio era un vino da bere con soddisfazione e appagamento. Visto che non tutti i vini bianchi vogliono essere bevuti secondo le norme che si insegnano ai corsi di degustazione o che si leggono sui libri?

Certi bianchi pretendono la temperatura che di solito si considera adatta a un rosso, così come certi rossi preferiscono appannare il calice, serviti freschi. Sissignori.

Côtes du Jura Savagnin En Quatre Vis 2015 Domaine des Marnes Blanches
(91/100)

In questo articolo

Scrivi un commento

2 comments

  1. Garganuda Rispondi

    Ecco perché durante i soave versus mi dicevano tutti che il vino era caldo.. 🤣
    Bianchi ambiente e rossi da Frigo da molti anni ormai…

    1. Angelo Peretti

      Angelo Peretti Rispondi

      Sono d’accordo, e vale a mio avviso soprattutto con i bianchi e i rossi del mondo “naturale” al quale appartieni anche tu.