Il broccoletto di Custoza diventa presidio Slow Food

broccoletto_custoza_300

Così ci siamo, il broccoletto di Custoza diventa presidio di Slow Food. Era il sogno di quel coraggioso manipolo di piccolissimi coltivatori che hanno puntato al rilancio di quest’ortaggio che si era quasi estinto, e adesso il sogno si realizza. Bene, benissimo, e lo dico da fan scatenato del broccoletto di Custoza, ché se non l’avete mai provato, be’, cercatelo, tra le colline moreniche dell’entroterra meridionale del Garda, e troverete la sua dolcezza indimenticabile.
La presentazione ufficiale del presidio Slow Food del broccoletto di Custoza ha una data, che nella microstoria locale è dunque destinata a restare negli annali: 31 gennaio 2017, a Villa Venier, a Sommacampagna, nel capoluogo del comune. Perché Custoza è, appunto, frazione di Sommacampagna, anche se il suo nome appartiene alla storia italiana, anche se ha una sua denominazione d’origine vinicola e anche se adesso ci ha perfino il presidio del movimento della chiocciolina.
Filippo Bresaola è a capo dell’associazione dei produttori del broccoletto di Custoza. Mi è sempre piaciuta la sua concretezza, “quella dei giovani che si tirano su le maniche e si danno da fare”, scrissi tre anni fa. È a lui che è toccato il compito di guidare fin da subito l’associazione. Pochi ettari, poca roba “che però – scrivevo allora – ha due pregi: il primo è quello che si tratta d’una coltura che appartiene alla tradizione del luogo, il secondo è che il broccoletto di Custoza è buonissimo, parola mia.
Poi, sappiate che il broccoletto di Custoza è proprio un broccolo, ma con l’infiorescenza piccina picciò. Deve prendere il freddo per diventare dolce. Sono buone anche le foglie, bollite e poi tritate, per farcire i tortelli o per altre ricette. Però il piatto per l’eccellenza è quello più popolare: broccoletto, uova sode, salame. Che spettacolo.

In questo articolo

Scrivi un commento

1 comment

  1. monica Rispondi

    dolce e versatile questo ortaggio, apparentemente semplice, fonte di ispirazione per la ristorazione locale… ricordiamo l’abbinamento con il Custoza Doc ottimo connubio per degustare al meglio questo nuovo e prestigioso Presidio Slow-food