Tra Borgogna e Beaujolais, i vini del Grand Tasting

vino_rosso_da_alto_400

Vediamo come si sono comportati i vini della Borgogna durante la degustazione al Louvre della Guida Bettane&Desseauve. Includo anche i vini del Beaujolais, poiché dal punto di vista amministrativo si tratta della stessa regione. Una carrellata di pinot noir, di chardonnay e di gamay, dunque, per gli appassionati di quel territorio.

Jean Claude Boisset

Chambolle Musigny 1er cru Les Charme 2014. Bel vino completo sia al palato che al naso. 87

Vosne-Romanée Les Jacquines 2014, Colore leggero, semplice ma con un finale tannico. 84

Nicolas Rossignol

Volnay 2014. Un Villages profumato e leggero, di quelli che si bevono. 86

Volnay 1er cru Clos de Angles 2014. Caldo, invitante, forse un po’ troppo piacione. 87

Volnay 1er Cru Santenots 2014. Alcolico e legnoso, si perde la finezza del pinot noir. 85

Volnay 1er cru Cailleret 2013. Suolo molto sassoso, elegante e floreale, frutti neri. Maturo, ancora un pizzico di tannini da risolvere ma sembra poter evolvere positivamente. 90

William Fèvre

Chablis 2015. Rotondo e maturo, ottimo “base”. 87

Chablis 1er cru Les Lys 2014. Salino, crudo e minerale. Fresco e maturo. 89

Chablis 1er cru Vaulorent 2014. Austero, ancora una mineralità evidente. Polvere da sparo e fumé. 91

Chablis Grand Cru Côte Bouguerots 2014. Miele, spezie, zafferano. Più struttura e larghezza, finale minerale e caldo al tempo stesso. 92

Chablis Grand Cru Vaudésir 2014. Fiori bianchi, minerale (scusate se mi ripeto, ma è così). Grande leggerezza, clorofilla, etereo e persistente. 93

Michel Juillot

Mercurey Rouge 1er cru Clos Barraults 2014. Materia e struttura di ottimo livello. Vino floreale senza alcuna durezza, facile. 89

Mercurey Rouge 1er cru Champs Martins 2014. Ancora una interpretazione sulla leggerezza, con meno densità e complessità. 87

Domaine de l’Arlot

Nuits Saint-Georges Clos de L’Arlot 2014. Floreale, senza una grande struttura, elegante. 87

Nuits-Saint-Georges Clos des Forêts Saint Georges 2014. Concentrato e tannico, si rivela estremamente chiuso e giovane, ma ha eleganza e materia da vendere. 90

Nuits-Saint-Georges Clos des Forêts Saint Georges 2011. Se al naso sembra essere leggermente vegetale, al palato rivela una grande classe. In un momento di chiusura. 91

La Chablisienne

Chablis Les Vénérables Vieilles Vignes 2014. Fragrante, fiori, polvere da sparo. Palato agrumato e di bella acidità, finale di miele, molto vivo. Il miglior prezzo-qualità della cantina. 90

Chablis 1er Cru Vaulorent 2013. Annata difficile che ha prodotto un vino molto fine, fiori e arancio accompagnati da un legno usato con sapienza. Attacca morbido e solo in finale esce un po’ di acidità. 89

Chablis Grand Cru Château Grenouilles 2012. Un classico per questa cooperativa. Se il legno è più presente (burro, vaniglia), la materia dimostra di poterlo digerire senza battere cenno. Servono però 10 anni. 91

Château Thivin

Côte de Brouilly Les Spet Vignes 2015. Facile e fruttato, senza grande concentrazione. Vino da merenda. 85

Côte de Brouilly La Chapelle 2015. Vigne su collina in forte pendenza. Serio e minerale, eccellente materia, lungo. Ancora giovane. 90

Côte de Brouilly Zaccharie 2014. Anche se l’impressione è che sia diluito e semplice, offre una beva travolgente. 87

Domaine Louis Claude Desvignes

Morgon La Voûte Saint Vincent 2015. Vigne esposte a nord su arenarie e sabbie, età media 60 anni. Grappoli diraspati al 60%, affinamento per 11 mesi in vasche di cemento. Giovanissimo, caldo e speziato, pronto tra 4 o 5 anni. 87

Morgon Côte du Py 2015. Vigne di 90 anni su rocce di manganese, uva non diraspata, macerazione di 10 giorni e affinamento in cemento. Difficilissimo da giudicare, molto indietro. Si intuisce un succo delicato e di molta personalità. Appuntamento tra 10 anni. 91

Morgon Javernières Les Impénitents 2014. Vigne di oltre 100 anni, non diraspato. Suolo di manganese e argilla fine. Vigne di 30 anni e altre da 80 a 100 anni. Diraspato al 40%. 14 mesi in cemento. Profondo e complesso, fiori, annata più gentile ma potenziale incredibile. Grande eleganza minerale. Uno dei più grandi Beaujolais degustati. Cercatelo. 95


Scrivi un commento