Bordeaux primeurs 2014: Margaux

tertre_240

Tra i cru più prestigiosi del Médoc, Margaux è quello che meno mi ha convinto nelle degustazioni en primeur dell’annata 2014. I cabernet non hanno avuto la stessa maturazione che hanno avuto a Pauillac o Saint-Estèphe. Questo ha richiesto una mano particolarmente gentile da parte dei produttori. Cosa che non sempre è avvenuta. La differenza la fanno la discrezione nell’affinamento e la drastica selezione dell’uva. Chi ha avuto più coraggio è riuscito ad ottenere vini setosi e longevi, ricchi di tannini freschi. Chi invece si è affidato a una strategia più interventista a mio avviso non ha centrato l’obbiettivo.
Château Angludet
Alcolico e poco fine. Sensazione di tostatura e bocca troppo tannica. 14,5/20
Château Brane-Cantenac
77% cabernet sauvignon, 21% merlot, 2% cabernet franc. All’opposto del precedente, un vino tutto in finezza, delicato e lungo. Giusta interpretazione. 17/20
Château Cantenac Brown
65% cabernet sauvignon, 35% merlot. Un campiono non a posto, non giudicabile. NC
Château Dauzac
68% cabernet sauvignon, 32% merlot. Aromi floreali. Attacca morbido e termina tannico. Ha tutto quello che serve per terminare nel migliore dei modi l’affinamento, quindi gli attribuisco una nota positiva. 16,5/20
Château Desmirail
57% cabernet sauvignon, 38% merlot, 5% petit verdot. 42% legno nuovo. Caldo, molti aromi di tostatura e di caffé. Non è lungo. 14/20
Château Ferrière
51% cabernet sauvignon, 41 merlot, 2% cabernet franc, 6% petit verdot. 40% legno nuovo. Uno dei più eleganti della degustazione. Floreale soprattutto. Terroso e dotato di tannini finissimi. Gli manca solo una complessità maggiore per insidiare i migliori in assoluto. 16/20
Château Giscours
70% cabernet sauvignon, 20% merlot, 10% petit verdot. Non sono stato in grado di giudicare il vino. Troppo legnoso, manca di spinta. Spero fosse un campione non a posto. NC
Château Kirwan
Potente, tonico e fruttato. Fortunatamente il legno non è coprente. Più in acidità che in morbidezza e cremosità. 15,5/20
Château Labérgoce
Si riesce a percepire un fondo di freschezza. Peccato che duri un attimo: poi entra in gioco il legno e la partita è finita. 13,5/20
Château Lascombes
50% merlot, 45 cabernet sauvignon, 5% petit verdot. 80% legno nuovo. Un vino generoso, potente e preciso. Solido, largo e sapido, sfodera una concentrazione notevole. I tannini sono maturi. 16,5/20
Château Malescot Saint-Exupéry
58% cabernet sauvignon, 39% merlot, 3% petit verdot. Fresco e slanciato, dimostra di saper ben digerire il legno, anche se in finale si irrigidisce. Una espressione classica, più nervoso e meno rotondo del precedente. 16,5/20
Château Marquis de Terme
Vino teso e serio. Elegante e fresco, solo un leggero eccesso di legno che il tempo dovrà patinare. 16/20
Château Monbrison
72% cabernet sauvignon, 28% merlot. Fiori e tostatura di caffé. Molta materia in un palato che rimane fresco e che conserva una sana bevibilità. Vino di gran classe. 17/20
Château Prieuré-Lichine
Colore molto scuro, evidente ricerca di concentrazione. Questo non aiuta a sviluppare complessità. Tutto di un blocco, necessita di molto tempo per mettersi a posto. 15,5/20
Château Rauzan-Gassies
70% cabernet sauvignon, 26% merlot, cabernet franc e petit verdot. Non ha dalla sua una buona concentrazione e finisce tannico. 14,5/20
Château Rauzan-Sègla
56% cabernet sauvignon, 42% merlot, 1% cabernet franc. Appare molto indietro nella sua maturazione, chiuso e con della volatile. Eppure trasmette un potenziale evolutivo di prim’ordine. Fine e preciso. 16,5/20 ma potrebbe meritare di più
Château Siran
53,5% merlot, 38% cabernet sauvignon, 8,5% petit verdot. Sembra tecnicamente impeccabile, ma manca qualcosa. Morbido per la presenza di molto merlot, si blocca nel finale a causa del legno e dei tannini. 14,5/20
Château du Tertre
58% cabernet sauvignon, 20% cabernet franc, 12% petit verdot, 10% merlot. Un assemblaggio particolare che dona un vino potente e speziato. Poi molti fiori, violetta su tutti. Rotondo e con tannini maturi, setoso. Termina con aromi di cacao, ancora una volta segno di maturità. Bel vino e un rapporto prezzo qualità molto alto  17/20

In questo articolo

Scrivi un commento