Se poi i biglietti del Vinitaly si vendono nei mercatini

visitatori_vinitaly_esterno_400

Certo che le buone intenzioni di Veronafiere vengono a cadere se poi i biglietti del Vinitaly si vendono nei mercatini on line. Ce ne sono, se ne trovano, li trovate. Per esempio, io ho visto l’annuncio di due ingressi in vendita a 50 euro cadauno su un mercatino di compravendite su Facebook. Un mercatino veronese. Alla faccia delle dichiarazioni che si leggono sul sito del Vinitaly: “Per il mantenimento dello standard professionale, Vinitaly è aperto esclusivamente agli operatori specializzati e maggiorenni”. Sì, vabbé, e quelli che acquistano quei due biglietti sul mercatino sono di sicuro operatori specializzati.

“Siamo stati una delle poche fiere – ha dichiarato il presidente della fiera veronese al quotidiano cittadino – ad annunciare l’intenzione di diminuire i visitatori di una rassegna. Mi riferisco a quelli generici, per aumentare al contempo, invece, le presenze internazionali e dei professionisti”. Va bene, ma allora è il caso di cominciare seriamente a fare repressione verso chi tenga comportamenti contrari. Anche se si tratta di espositori, di gente che acquista lo stand.

Già l’anno scorso Veronafiere aveva annunciato una stretta in questa direzione. Evidentemente non è bastata e non basta. Occorre un intervento più drastico, che è uno e uno solo: buttar fuori dalla fiera gli operatori che regalano biglietti. Tanto, se è vero che c’è la coda di azienda che chiedono di esporre e non trovano posto, non sarà difficile sostituire i cacciati. Lo chiedevo un anno fa, torno a domandarlo oggi. Per il bene del Vinitaly, a salvaguardia di chi spende fiori di quattrini per farci uno stand e tentare di fare affari, a tutela dei visitatori professionali, che non possono lavorare in mezzo a chi entra per bere.

Dunque, si cominci col mettere qualcuno a sguinzagliare il web e i social alla ricerca dei biglietti venduti su questi mercati paralleli, dato che queste vendite sono evidentemente al di fuori della policy dichiarata dalla fiera. Si trovi l’azienda cui quei biglietti sono stati assegnati e la si cacci dal Vinitaly.

In questo articolo

Scrivi un commento