Attenti, ecco un ottimo Cabernet Franc a pochi soldi

chinon_futreau_500

Ripeti con me: “Un vino rosso ha note erbacee se è stato fatto con uve non mature. Un Cabernet Franc non è mai erbaceo se è stato fatto con uve mature”. No, perché sono stufo e arcistufo e strastufo di sentir parlare della presunta erbaceità dei Cabernet Franc. Erbaceità una cippa. Un vero Cabernet Franc ha il frutto carnoso e la spremuta di mirtillo, altroché, e un che di floreale e un bel tannino, setoso per giunta.

Avverto già l’obiezione, ossia che per bere dei Cabernet Franc di questo livello bisogna spendere parecchio. Lo so che avete in mente Clos Rougeard, ma di Clos Rougeard ce n’è uno solo, e non so se valga più la pena di spenderci su le cifre impegnative che oggi vengono chieste per poterne bere i vini. Semmai consiglio di andare a bussare ad altre cantine della Loira, che fanno rossi buoni e li vendono a prezzi molto abbordabili.

Per esempio, sull’edizione 2021 della guida Hachette ottenne due stelle e il coup de coeur de l’appellation lo Chinon Vieilles Vignes Le Futreau annata 2018 del gruppo Loire Propriétés, che si compone di quattro cantine sociali, una distilleria e un “société de négoce”, la commerciale. In particolare, questo Chinon, emblematico davvero dell’appellation, è prodotto per il gruppo da La Cave des Vins de Rabelais, fondata nel 1989 proprio a Chinon, il comune cui è intitolata la denominazione di origine: poco più di ottomila abitanti nel dipartimento di Indre-et-Loire, nella regione Centre-Val de Loire. Quanto al nome del vino, la futreau è l’imbarcazione tradizionale, a fondo piatto, della Loira, utilizzata per il trasporto delle merci.

In questo momento, questo buon Chinon, compagno perfetto e appagante per la tavola autunnale e invernale – ma anche solo un pezzo di pane e una fetta di salame, va benissimo anche così -, si trova on line su Vinatis a 11,76 euro, ma se ne comprate almeno tre bottiglie il prezzo scende a 8,74 euro e garantisco che si tratta di un vero affare. La nota finale è per quanto che si legge in etichetta: temperatura di servizio fra i 14 e i 17 gradi. Ripetesi: fra i 14 e i 17 gradi di temperatura, per un rosso da 14 gradi di alcol (attenzione, è bevibilissimo, l’alcol non si sente, grazie ad un’acidità spiccata). Altro che la “temperatura ambiente” tropicale alla quale vengono versati i vini rossi in troppi ristoranti italiani.

Chinon Vieilles Vignes Le Futreau 2018 Loire Propriétés
(88/100)


Scrivi un commento

4 comments

  1. Roberto Ferrari Rispondi

    Ho appena ordinato 6 bottiglie di Chinon su Vinatis.

    1. Angelo Peretti

      Angelo Peretti Rispondi

      Mi farai sapere, Roberto. Grazie della fiducia.

  2. Guglielmo Rispondi

    Convengo totalmente. Questo Chinon lo conosco ma anche io amo i Cabernet franc del saumurois e della Touraine. Fra questi ultimi sono un fan dei Saint Nicolas de Bourgueuil. Succosi freschi vellutati ideali per un buffet campagnard. Erbacei? Non direi

    1. Angelo Peretti

      Angelo Peretti Rispondi

      Grazie del commento. Sì, nell’aop di Saint Nicolas de Bourgueuil si trovano dei gran bei vini.