Alla trattoria dell’Angelo, Roma

trattoria_angelo_240

La trattoria dell’Angelo sta a Roma. L’Angelo cui è intitolato il locale non è riferito a una qualche iconografia cristiana del vicino Vaticano (siamo nel quartiere Prati, proprio alle spalle dello stato pontificio). L’Angelo in questione, invece, fa così di nome di battesimo e di cognome fa Croce, e capisco che a ‘sto punto verrebbe da dire “eccolo là”, pensando alla storia del Vaticano e dell’iconografia cristiana. Mettetela come volete, sta di fatto che in questa trattoria ci sto sempre bene. Dentro è pieno di riferimenti al rugby, ché il titolare era appunto rugbista, e anche un po’ all’automobilismo. E anche i camerieri hanno di solito la stazza del rugbista.
La cucina è romana-romana. Ed è una buona cucina. Con una doppia, simpatica formula a pranzo e a cena. A mezzodì si sceglie fra i piatti del giorno, mentre – dice la tovaglietta di carta – “la sera se magna o nun se magna 25 so l’euro”, e “si voi la bistecca l’euri so 35”. Poi, caffè e bevande se pagheno a parte”.
Significa che alla sera si spendono, bevande escluse, esattamente 25 euro, prezzo unico, prendere o lasciare, ed è un prezzo assolutamente vantaggioso per il cliente considerata la sequenza di portate composta da tre antipasti (fagioli della varietà perlina laziale, bruschetta e “pesce finto”, e cioè una purea di tonno e verdure), un primo (i classici romani, il cacio e pepe, la gricia, l’amatriciana, la carbonara, ben fatti), un secondo (tipo le polpette o la trippa o il bollito alla picchiapò) e le ciambelline da intingere nel Cesanese (secco). Però a pranzo, quando si va magari più di fretta e si ordinano una portata o due, non è che si spenda di più: 7 euro gli antipasti, 7 i primi, 8 i secondi, 4 i contorni. Prezzi popolari, insomma. E, ripeto, buona cucina: mai trovata la benché minima sbavatura nell’esecuzione.
Pochi vini, e vale la pena prendere lo sfuso, che non è male, se rapportato alla sostanziosa rusticità dei piatti.
Una trattoria da tenere segnata in agenda quando si passa per Roma. Garantisco.
Trattoria dell’Angelo – via Bettolo, 24 – Roma – tel. 06 3729470

In questo articolo

Scrivi un commento

1 comment

  1. claudia Rispondi

    Angelino e figli (Corrado e Marta, l’unica nota femminile) un mito. E poi tutto buonissimo.