Ah, questi Morgon che li adori e fanno soffrire!

morgon_brun_500

Ricordate il carme 85 di Catullo? È quello, famosissimo, che fa: “Odi et amo. Quare id faciam, fortasse requiris. Nescio, sed fieri sentio et excrucior”. Insomma: “Odio e amo. Forse ti chiedi perché faccia così. Non lo so, ma è quel che sento, e ne patisco”. Ecco, questo è esattamente il mio “sentimento” quando sto per stappare una bottiglia di vino rosso che viene dal territorio del Beaujolais. Perché so benissimo che l’avventura mi potrà portare tanta gioia enologica, ma che talora mi costringerà anche a una sofferta riflessione. Non sono vini facili, i migliori di quelle parti.

Chi non l’avesse già fatto e intendesse cimentarsi nell’avventurosa scoperta dei rossi del Beaujolais e del loro carattere schivo, tenga conto che il cru più fertile di suggestioni è quello di Côte du Py, all’interno dell’appellation di Morgon, e se propio volete rendervi le cose più ardue, dentro a Côte du Py vi suggerisco di investigare i vini del lieu-dit Javernières, che è una piccola parcella che dà dei rossi che più di altri si possono attribuire all’effimera e discussa categoria della mineralità.

Di recente ho stappato il Morgon Côte du Py Javernières prodotto nella vendemmia 2018 da Jean-Paul Brun, uno dei fuoriclasse del Beaujolais. Il colore è quello cristallino che mi piace ritrovare in un rosso di quelle terre e subito emergono quelle gioiose memorie di ciliegia e anche di cannella che ne caratterizzano il tratto aromatico. Ho trovato invece un po’ contratto il sorso. Insomma, il vino si beve bene e in fondo piacevolmente, ma è come se vivesse una frase riflessiva, che ne trattiene un po’ lo slancio, nascondendolo sotto al pietrame. Del resto, quest’indole meditativa fa parte anch’essa dello spirito del luogo, e dunque sia.

Sappiate insomma che vi dovrete armare di pazienza, e magari stappare la bottiglia per tempo, e aspettare che il vino di conceda quando e come vuole. Comanda lui.

(On line lo trovate tra i 18 e i 22 euro.)

Morgon Côte du Py Javernières 2018 Jean-Paul Brun
(88/100)


Scrivi un commento