Ah, la felicità

tagliere

Aglio, rosmarino, musica, mezzaluna ed io che ondeggio. Quanto mi piace questo tagliere! Sembra nuovo e avrà almeno quindici anni. È un regalo litigato, ogni volta che lo uso, e accade spesso, ricordo la scenetta e rido.
Siamo a Bordeaux per lavoro e ci concediamo un giro di shopping alle Galerìes Lafayette. Lui, il mio ex, mi dice di prendere quello che voglio ed io mi lancio sul tagliere tondo, leggermente concavo, di legno chiaro, con la mezzaluna piccola che mi pare un bijoux. Felicità! Sono rapita da quest’oggetto e già me lo vedo in cucina. Lui obietta, quasi sprezzante, dice che non si può venire in Francia per comprare un tagliere e bla bla bla. Intanto tra uno spicchio d’aglio e un rametto di rosmarino, mi godo questo regalo che sta ancora con me e danzo, nel profumo, lo sminuzzamento degli odori di casa. Ah, la felicità.


Scrivi un commento