I 6 locali della galassia Perbellini a Verona

perbellini_240

Giancarlo Perbellini è uno dei più talentuosi chef italiani. Non lo dico solo io, ovviamente. Un genio, ecco cos’è Giancarlo. Ed è anche un imprenditore funambolico. Ora che ha lasciato Isola Rizza (dove ha raggiunto le due stelle Michelin) per aprire Casa Perbellini a Verona, con una formula totalmente nuova, ha di fatto chiuso il cerchio delle sue presenze nella città scaligera (oddìo, chiuso, io mi aspetto sempre novità da quest’istrione dell’accoglienza). E in città ha messo insieme una sorta di galassia del gusto, strutturata in sei diversi locali, alcuni gestiti con vari soci con i quali ha progettualità condivise.
Insomma, a Verona città ormai è possibile andar fuori a mangiare un boccone gravitando tutta la settimana nell’orbita di Perbellini.
Eccolo qui di seguito il mondo del gusto di Giancarlo Perbellini a Verona.
Casa Perbellini. Affacciata sulla bellissima piazza San Zeno, a due passi dalla basilica, Casa Perbellini è il quartier generale di Giancarlo. Qui la creatività tocca vette assolute, ma l’impianto del locale è – come dire – elegantemente informale. Il posto viene definito un “concept restaurant”. Pochi tavoli, cucina a vista, offerte diverse a mezzodì e alla sera. Il luogo dell’anima.
Locanda 4 Cuochi. In via Alberto Mario, subito dietro piazza Bra, la Locanda 4 Cuochi è un ristorante-trattoria dove si sta bene senza l’orpello della formalità. Si entra e si vede subito la cucina open space. Due salette, calde e accoglienti. Piatti a metà fra tradizione e misurata creatività. Assolutamente immancabile la mozzarella e carrozza (e, non in). Credetemi.
Al Capitan. Nato una decina d’anni fa da un’idea “collettiva”, che ha visto la partecipazione di Giancarlo Perbellini, la trattoria Al Capitan è in piazza Cittadella, a un tiro di schioppo da piazza Bra. Locale piccolo e accogliente. Qui la proposta gastronomica è interamente focalizzata sul pesce di mare (crudo e cucinato, a seconda di quel che offre il mercato).
Du de Cope. Il “Due di Coppe” è Perbellini in versione pizzeria. Il locale è in Galleria Pellicciai, a poca distanza da pizza Erbe. Grande attenzione alla scelta delle materie prime e stile napolentano, con il bordo della pizza più alto a far da cornicione. Con birre artigianali italiane.
Tapasotto. Sempre in Galleria Pellicciai, vicina al Du de Cope. Il nome è un gioco di parole fra tapas e sotto, perché qui lo stile è quello delle tapas spagnole e si sta sotto la galleria delle case che sovrastano il vicolo. A dire il vero i giorni scorsi l’ho vista in ristrutturazione: non so se per Vinitaly è pronta.
Dolce Locanda. Poteva forse mancare la pasticceria nella galassia veronese di Giancarlo Perbellini? Eccola qui: la Dolce Locanda, pasticceria in via Catullo, proprio dietro l’angolo di Galleria Pellicciai. Un posto dove prendere un caffè e, soprattutto, acquistare la deliziosa pasticceria d’autore.

In questo articolo

Scrivi un commento